La lucidatura a gommalacca: prodotto e metodo

Avete restaurato un mobile, sia esso d’epoca oppure in stile, seguendo le procedure standard e adesso siete alle fasi finali per cui vi occorre un prodotto per la lucidatura e il mantenimento? Perfetto, allora vi occorre la gommalacca, un materiale che ancora oggi trova impiego nella lucidatura dei mobili per conservare la tecnica di produzione dell’originale e preservarne il vissuto o “pàtina”.

Possiamo affermare che uno dei nostri vanti è la lucidatura a tampone. Il nostro laboratorio, in continua ricerca di nuove tecniche e materiali, ne ha migliorato con gli anni il procedimento, arricchendolo di componenti e segreti appresi anche da mastri liutai, creando così un collegamento tra queste due arti e, alla fine, realizzare un prodotto di alta qualità (in vendita questo mese in offerta, vedi qui). 

gommalacca2

Ma vediamo tecnicamente di cosa si tratta.

Perchè la gommalacca? E’ un composto naturale con una composizione chimica simile a quella dei polimeri sintetici, ed è quindi considerata una plastica naturale. La gommalacca viene utilizzata su legno per impedire spurgo di resina e si impiega nella lucidatura dei mobili, sia d’epoca oppure in stile, per conservare la tecnica di produzione dell’originale e preservarne il vissuto o “pàtina”. Un tempo si riteneva comunemente che fosse ottenuta dalle ali di insetti indiani ma in realtà, la gommalacca è ottenuta dalle secrezioni dell’emittero femmina, ed è raccolto dalla corteccia degli alberi su cui lo deposita per ottenere una salda presa sull’albero. Una volta purificata, la sostanza prende la forma di scaglie di colore giallo/bruno. È stata usata dalla metà del XIX secolo per produrre piccoli oggetti come cornici, scatole, articoli da toeletta, gioielleria, calamai ed anche protesi dentarie. Oggi è usata con il metodo tradizionale per rifinire la mobilia durante la fase della lucidatura, una delle operazioni di restauro del mobile, e viene eseguita dopo aver effettuato tutte le fasi precedenti. (vedi tutorial)

Avete dubbi o domande in proposito? Scriveteci o commentate anche sulla nostra fanpage e se vi va condividete, grazie. RMR

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...